Palazzo Beltramini

palazzo-beltramini

Il palazzo conosciuto come Beltramini, nome di una famiglia giunta ad Asolo dalla Lombardia nella seconda metà del ‘400 e che divenne ben presto una delle più rinomate in Città, assunse una nuova veste architettonica nel corso del ‘700. In questo periodo infatti Il palazzo in piazza d’Annunzio venne restaurato e strutturato nelle forme attuali dal celebre architetto Giorgio Massari sempre su commissione della famiglia Beltramini. Per la decorazione architettonica della facciata inserita nello stretto spazio della piazzetta venne adottata una particolare e ingegnosa soluzione: risultato fu una facciata a tre ordini con un portico a colonne bugnate impostate con taglio prospettico per poter essere viste dall’imbocco di via Cornaro. Anche l’interno è raffinato; il salone nobile occupa due piani ed è coronato da una elegante loggetta curvilinea. Il palazzo passò successivamente ai Pasini, ai Neruda e infine al Comune che vi trasferì la sede municipale